sabato 16 Gennaio 2021 - Santo del giorno:

Il network dell'informazione del Piemonte e della Valle D'Aosta
SIR NEWS
  • Data loading...

Chiesa e Società unite per aiutare chi soffre

Diocesi di Torino e Susa. La messa di Natale con mons. Nosiglia, per operatori e volontari impegnati nel sociale, sarà celebrata giovedì 10 dicembre 2020 alle ore 18 con presenza limitata in Duomo e in streaming per tutti


A causa dell’emergenza sanitaria, la tradizionale Messa di Natale con l’Arcivescovo riservata agli operatori e volontari delle quattro aree del sociale (Caritas, Lavoro, Migranti e Salute) delle diocesi di Torino e di Susa, quest’anno si svolgerà ad accesso limitato in presenza e per tutti in diretta streaming. Verranno quindi rispettate tutte le norme di sicurezza e di salute. L’appuntamento è per giovedì 10 dicembre 2020, alle ore 18,
presso la Chiesa Cattedrale di San Giovanni Battista a Torino
La diretta si potrà seguire al seguente link https://youtu.be/QTOQZUMxEsI

Con Caritas, di Migrantes, della pastorale della salute, dell’ufficio lavoro, saranno presenti anche realtà cittadine  e diocesane  che sono attive in queste 4 aree  del sociale e che svolgono un impegnativo compito di costante presenza e servizio a migliaia e migliaia  di persone e famiglie (poveri, senza dimora, immigrati, rom esinti, famiglie di lavoratori in difficoltà, responsabili civili ed ecclesiali della sanità…) 

Sono stati invitati anche i responsabili delle istituzioni,  la Sindaca e l’assessora alle politiche sociali,  il Presidente della Regione e il Prefetto.
Dopo la Messa ci saranno alcuni brevi interventi  su come vivere questo Natale, in questo tempo di pandemia  offrendo alle persone povere, indigenti e senza dimora la possibilità di vivere comunque  
con  gioia e serenità la festa più importante e bella dell’anno.
<L’Augurio – sottolinea la Diocesi – è che questa iniziativa  possa  confermare l’impegno unitario  e concreto  di fraternità  e collaborazione solidale  tra  tutte le maggiori componenti della nostra società  
verso tanti cittadini in difficoltà>.