domenica 04 Dicembre 2022 - Santo del giorno:

Il network dell'informazione del Piemonte e della Valle D'Aosta
SIR NEWS
  • Data loading...

Don Giraudo è il nuovo Vescovo ausiliare della Diocesi di Torino

Da qualche mese Vicario generale della Diocesi e primo collaboratore di mons. Roberto Repole

La chiesa torinese ha un nuovo Vescovo ausiliare. Questa mattina in Facoltà Teologica l’Arcivescovo Roberto Repole ha letto l’annuncio con cui papa Francesco ha nominato don Alessandro Giraudo, vescovo titolare di Castra Severiana ed Ausiliare della Diocesi di Torino.

Don Giraudo è l’attuale Vicario Generale, incarico che continuerà a seguire.

Nel dare la notizia mons. Repole ha ricordato che il nuovo Vescovo è torinese, ha 54 anni, ha studiato nella Facoltà teologica torinese ed è stato ordinato nel 1993. Ha conseguito il dottorato in Diritto canonico con specializzazione in Giurisprudenza presso la Pontificia Università Gregoriana, ha ricoperto diversi incarichi in diocesi tra cui dal 1993 al 1996 è stato vicario parrocchiale a Nostra Signora delle Vittorie in Moncalieri, dal 1995 al 1999 vicario parrocchiale a Santa Maria a Testona (Moncalieri)dal 2002 al 2010 collaboratore parrocchiale a Santa Apostoli (Torino) e sempre dal 2002 è docente di Diritto canonico alla Facoltà teologica torinese. Dal 2002 al 2005 difensore del vincolo nel Tribunale ecclesiastico regionale, dal 2005 al 2012 è stato giudice nello stesso tribunale, e dal 2009 al 2016 vicario giudiziale aggiunto, e dal 2015 giudice nel tribunale metropolitano di Torino. Ha svolto diversi altri incarichi, tra cui canonico di San Lorenzo.

Mons. Repole ha poi voluto aggiungere parole di gratitudine, prima di tutto <a papa Francesco che guarda con occhio di benevolenza alla diocesi torinese e a ciò che si sta vivendo in questo momento particolare della nostra storia>. Ha poi voluto condividere: <Una parola di conferma della profonda amicizia che mi lega a don Sandro, ci conosciamo dai tempi del seminario, da quando eravamo ragazzi. Infine penso – ha detto – si possa esprimere la gioia da parte della nostra Chiesa perché possiamo contare sul suo apporto anche in maniera rinnovata con quello che significherà diventare Vescovo ausiliare, un apporto importante e significativo per vivere questi anni che abbiamo davanti nella sequela del Signore ed in una fraternità sempre più bella e allargata>.

Nelle sue prime parole don Alessandro Giraudo ha sottolineato che l’annuncio non riguarda solo lui ma tutta la vita della Chiesa torinese, ha espresso grande gratitudine al Signore <non tanto per il cammino che si apre davanti a me, e che mi spaventa , ma per la sua fedeltà che si è manifestata nonostante le mie infedeltà>. Ha poi confermato <la disponibilità al servizio per tutta questa chiesa, da un lato con il timore di cosa comporta, ma anche con la certezza che quello che il Signore ha voluto e sta realizzando è più grande di noi>.

https://www.diocesi.torino.it/site/conferenza-stampa-dellarcivescovo-di-torino/