giovedì 02 Febbraio 2023 - Santo del giorno:

Il network dell'informazione del Piemonte e della Valle D'Aosta
SIR NEWS
  • Data loading...

Repole: Ritrovare la bellezza della fede

L'Arcivescovo di Torino ha incontrato gli operatori dei media per gli auguri di Natale

Una riflessione sul senso del Natale, del ritrovare la fede, la necessità di cercare dentro di noi gli aspetti positivi per squarciare le tenebre e di dare voce alla parte bella che si trova dentro ciascuno. Sono gli spunti che l’arcivescovo di Torino, Roberto Repole, ha consegnato questa mattina in Arcivescovado agli operatori e alle operatrici dei media torinesi. Ha ricordato a tutti che il Natale è anche la solitudine degli anziani nelle loro case, i bambini ammalati negli ospedali, le persone senza casa accucciate nelle strade del centro con la sola compagnia del loro cane, i giovani con il cuore già stracolmo di frustrazioni. Il Natale è Dio che entra in un clima tenebroso. La sua luce illumina, per noi cristiani è la fede.<Per i cristiani – ha sottolineato – l’augurio è il saper accogliere questa luce e di portarla agli altri. E per gli altri l’augurio è di aprire le porte al bello che risiede dentro ogni persona>. Repole ha poi voluto rimarcare l’importanza di custodire la fiducia, <è una cosa quasi sacra>, perché quando si perde la fiducia ci si disumanizza. Ha invitato a guardare al prossimo non come all’inferno, ma come alleato, ed essere capaci di solidarietà accoglienza.

Il ricordo del cardinale Severino Poletto

Nel ricordare il Cardinale, di cui si celebra nel pomeriggio il funerale nel Duomo di Torino, ha tratteggiato alcune caratteristiche: un uomo di grande fede, di <una fede meticolosa>, che ha servito con amore la Chiesa. Lucido, consapevole di andare incontro alla morte, all’incontro con il Signore che aveva atteso per tutta la vita.