giovedì 18 Luglio 2024 - Santo del giorno:

Il network dell'informazione del Piemonte e della Valle D'Aosta
SIR NEWS
  • Data loading...

Cuneo e Fossano: ora diocesi unica

Il primo giugno pubblicato il bollettino con il decreto di papa Francesco che unifica le due diocesi piemontesi

c’è piena unione della Diocesi di Cuneo e Fossano con l’istituzione della nuova circoscrizione ecclesiastica denominata “Diocesi di Cuneo-Fossano”.

Alle ore 12 del 1 giugno 2023 il Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede ha pubblicato la notizia della piena unione delle Diocesi di Cuneo e di Fossano: nasce la nuova circoscrizione ecclesiastica denominata «Diocesi di Cuneo-Fossano», suffraganea della sede metropolitana di Torino.
Il Decreto del Papa stabilisce che la sede della nuova diocesi è nella città di Cuneo, dove si trova la Cattedrale di Santa Maria del Bosco e San Michele Arcangelo, a cui è annesso il Capitolo Cattedrale dei Canonici. La chiesa di Santa Maria e San Giovenale in Fossano assume il titolo di Concattedrale, e ad essa è annesso il Capitolo Concattedrale dei Canonici.
Patrona principale della nuova diocesi è la Beata Vergine Maria Madre della Divina Provvidenza; patroni secondari sono i Santi Michele Arcangelo, Dalmazzo Martire e Giovenale Vescovo.
Primo Vescovo della nuova Diocesi è Piero Delbosco.
Come precisato dal Decreto applicativo del Dicastero per i Vescovi, tutti gli organismi diocesani sono unificati, salvo le Fondazioni diocesane di culto e religione. In particolare, il Vescovo diocesano, eseguendo le disposizioni della Sede apostolica, preso atto che la fusione degli enti Diocesi avrà efficacia dal 1 luglio 2023, anche per gli effetti civili, ha stabilito la fusione degli enti Seminario e degli Istituti per il sostentamento del clero, nominandone gli amministratori, con medesima efficacia dal 1 luglio 2023, anche per gli effetti civili: l’ente Seminario diocesano di Cuneo-Fossano avrà sede a Cuneo e l’Istituto diocesano per il sostentamento del clero di Cuneo-Fossano avrà sede a Fossano; inoltre, ha confermato lo Statuto della Curia, promulgato l’8 settembre 2022 per le distinte Diocesi di Cuneo e di Fossano come Statuto della Curia della nuova Diocesi di Cuneo-Fossano, confermando anche in modo integrale i Consigli diocesani e le nomine in tutti gli uffici della Curia diocesana secondo quanto disposto dai Decreti emanati nell’anno 2022 nei giorni 24 giugno, 15 settembre, 31 ottobre e 1 dicembre, con i medesimi termini.

Qui sotto la traduzione italiana del Decretum

CUNEENSIS et FOSSANENSIS

de plena unione Ecclesiarum deque novae dioecesis provisione

DECRETUM

A causa del ridotto numero di presbiteri e di fedeli delle diocesi di Cuneo e di Fossano, consapevole delle loro necessità pastorali, l’Ecc.mo P.D. Piero Delbosco, unico e comune Vescovo delle due Chiese unite in persona Episcopi, ha di recente richiesto alla Sede Apostolica che le suddette diocesi fossero pienamente unite affinché nell’una e nell’altra diocesi apparisse più chiara la natura della Chiesa e il Vescovo potesse in modo più consono ed efficace svolgere tutti i suoi compiti, secondo quanto richiedono sempre di più le esigenze religiose, spirituali, morali, nonché i cambiamenti sociali e culturali.

Il Sommo Pontefice Francesco, per divina Provvidenza PP., avuto il voto favorevole dell’Ecc.mo P.D. Emil Paul Tscherrig, Arcivescovo titolare di Voli e Nunzio Apostolico in Italia, su consiglio del Dicastero per i Vescovi, ritenne in accordo di dover benignamente accogliere le preghiere a lui rivolte.

Pertanto, il Sommo Pontefice in accordo, fin dove occorra, con coloro ai quali interessa o si presume che li riguardi, per provvedere in modo più consono al bene delle anime, decreta che le diocesi di Cuneo e di Fossano si fondano in un’unica Chiesa.

La nuova diocesi, suffraganea della sede metropolitana di Torino, d’ora in avanti sia denominata Cuneo-Fossano e abbia sede nella città di Cuneo, dove l’attuale chiesa cattedrale, dedicata a Dio in onore di Santa Maria del Bosco e San Michele Arcangelo, conserva questo proprio titolo.

La chiesa di Fossano, dedicata a Dio in onore di Santa Maria e San Giovenale, fino a questo momento chiesa cattedrale, assuma il titolo di concattedrale in memoria della sua illustre e antica tradizione.

Si abbia un unico Capitolo cattedrale, che sarà il Capitolo della chiesa cattedrale della Sede Episcopale; invece, il Capitolo della chiesa cattedrale di Fossano assuma il nome di Capitolo concattedrale.

Parimenti unica sia la Curia Vescovile, similmente unico il Seminario, il Collegio dei Consultori, il Consiglio Presbiterale, il Consiglio Pastorale, gli organismi di apostolato e qualsiasi altro organismo diocesano che è previsto dal vigente diritto canonico.

Gli istituti diocesani per il sostentamento del Clero si fondano in uno solo.

Il nome della nuova diocesi di Cuneo-Fossano subentri a quello delle singole diocesi di Cuneo e di Fossano presso i Tribunali Ecclesiastici.

I sacerdoti e i diaconi, fin qui incardinati nelle rispettive diocesi, d’ora in avanti si ritengano incardinati nella nuova diocesi che è sorta dall’unione.

La nuova circoscrizione ecclesiastica includa e comprenda nel suo territorio i territori fin qui pertinenti a ciascuna diocesi unita.

Insieme con il territorio delle parrocchie che fin qui appartenevano alle singole diocesi unite, si ritengano annesse alla nuova circoscrizione ecclesiastica anche gli organismi ecclesiastici con i loro beni e diritti loro spettanti in qualsivoglia modo, a norma del can. 121 del vigente Codice di Diritto Canonico.

Patrona principale della nuova diocesi viene eletta la Beata Vergine Maria Madre delle Divina Provvidenza; patroni secondari sono eletti i Santi Michele arcangelo, Dalmazzo martire e Giovenale vescovo.

Per eseguire tutto questo, il Dicastero per i Vescovi designa il menzionato Ecc.mo Nunzio Apostolico, o in sua assenza dalla sede, il gestore in Italia degli affari della Santa Sede, dando ai medesimi anche le necessarie ed opportune facoltà di subdelegare per l’esecuzione di tale incombenza qualsiasi uomo costituito nella dignità ecclesiastica, con il compito di lasciare al medesimo Dicastero, appena possibile, copia autentica dell’atto della compiuta esecuzione.

Per la suddetta nuova diocesi di Cuneo-Fossano il Sommo Pontefice Francesco, per divina Provvidenza PP., elegge e mette a capo il suddetto Ecc.mo P.D. Piero Delbosco, finora Vescovo di Cuneo e di Fossano.

Al riguardo il Sommo Pontefice comandò di pubblicare il presente decreto tramite Litterae apostolicae sub plumbo datae.

Dato a Roma, presso il Palazzo del Dicastero per i Vescovi, il giorno 1 del mese di Giugno dell’anno 2023