giovedì 25 Luglio 2024 - Santo del giorno:

Il network dell'informazione del Piemonte e della Valle D'Aosta
SIR NEWS
  • Data loading...

AdDio suor Elvira, la suora della rinascita

Nella casa di Saluzzo, muore a 86 anni, fondatrice della Comunità Cenacolo

Quando diranno: “Elvira è morta!”, 
dovete cantare, ballare, fare festa… 
perché io sono viva! 
Guai se dite: “poverina…”. 
No, niente “poverina”! 
Io vado ben tranquilla e felice 
e canto, canto già! 
Davanti a me si spalancherà 
qualcosa di grandioso… 
la vita non muore!

Arriva così l’annuncio che suor Elvira é morta questa notte,(3 agosto) nella piccola casa a Bramafina di formazione a Saluzzo e Pagano, assistita dalle suore della Comunità Cenacolo da lei fondata.

Rita Agnese Petrozzi, il suo nome di nascita, era nata a Sora, in provincia di Frosinone, nel 1937, ‘figlia di gente povera’, come si definiva lei stessa, emigrata ad Alessandria, a 19 anni entrò in convento a Borgaro Torinese, tra le suore della Carità di Santa Giovanna Antida Thouret, dove diventò suor Elvira. 
    La svolta, nel luglio 1983, quando ricevette le chiavi di una villa diroccata sulla collina di Saluzzo, che trasformerà nella Comunità Cenacolo, un luogo dove verranno accolti gli ‘ultimi’: tossicodipendenti, disagiati, ragazzi in difficoltà. 
    In 40 anni suor Elvra ha aperto oltre 70 comunità in tutto il mondo e sono decine di migliaia le persone accolte in tutti questi anni. Ha incontrato Papi, cardinali, impressionandoli con la sua umanità e il suo ‘fuoco’ negli occhi. “La preghiera è un dono di Dio – diceva -. È un regalo. Ho voluto che anche i giovani che accoglievo potessero non solo sentire parlare di Dio, ma vedere la sua paternità concreta.

Già durante i giorni della Festa della Vita tenutasi sulla collina di Saluzzo dal 13 al 16 luglio, migliaia di persone tra cui giovani, genitori e amici appartenenti alla “grande famiglia” della Comunità, giunti da varie terre del mondo per festeggiare il 40° anniversario del Cenacolo, si sono strette attorno a lei in intensa preghiera e con profondo affetto per ringraziarla e accompagnarla nel passaggio alla vita eterna.

I funerali

La camera ardente sarà allestita presso la Casa di Formazione delle Suore Missionarie della Risurrezione in via Pagno 115 a Saluzzo. Sarà possibile la visita alla salma a partire da domani, venerdì 4 agosto, negli orari dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 18.30, fino alla data del funerale, ancora da definire. 

Ogni sera a partire da domani, venerdì 4 agosto, alle ore 20.30 verrà recitato un Santo Rosario, aperto a tutti, sulla collina di San Lorenzo a Saluzzo, nel luogo dove è nata la Comunità Cenacolo. 
Il funerale si svolgerà giovedì 10 agosto presso la casa della Comunità sulla collina di Saluzzo. Il corteo funebre che la accompagnerà alla cappelletta di Bramafarina in San Lazzaro, sarà venerdì 11 agosto e transiterà davanti al Duomo intorno alle 9.30.