giovedì 20 Giugno 2024 - Santo del giorno:

Il network dell'informazione del Piemonte e della Valle D'Aosta
SIR NEWS
  • Data loading...

Donne Chiesa Mondo 2024: Le Vie dell’Arte – viaggio tra le artiste sacre del XX Secolo

Il mensile riparte con forza dedicando il nuovo numero alle artiste sacre del XX secolo, pioniere dell'emancipazione

Il mensile dell’Osservatorio Romano “Donne Chiesa Mondo” riparte nel 2024 con il nuovo numero dedicato al “Le Vie dell’Arte”. Un viaggio tra le artiste sacre del XX secolo.

“Donne Chiesa Mondo” esplora il ruolo delle artiste sacre, riportando in primo piano figure come Elisabetta Sirani e Artemisia Gentileschi. Queste pittrici, non solo eminenti nella storia dell’arte, ma anche pioniere dell’emancipazione femminile, sfidarono i canoni dell’epoca con opere forti e determinate.

Lavinia Fontana, ad esempio, stabilì un contratto insolito con il marito per continuare la sua carriera mentre lui agiva da agente. Nel XX secolo, il connubio tra artiste e sacro subisce una rivoluzione, come evidenziato dal critico d’arte contemporanea Gianluca Marziani. Il Novecento stravolge i modelli canonici, aprendo alle astrazioni e agli esperimenti avanguardisti. Le opere delle artiste riflettono il Bene e il Male, la vita e la morte, denunciando tematiche profonde come la violenza e l’emancipazione.

Artemisia Gentileschi, affrontando un processo per denuncia di violenza, rappresenta un esempio coraggioso. Barbara Jatta, direttrice dei Musei Vaticani, sottolinea che le opere visivamente testimoniano l’armonia nella loro realizzazione intima, colpendo profondamente il cuore degli osservatori. In questo contesto, l’approccio al sacro delle pittrici emerge nei soggetti raffigurati, come sante e personaggi biblici, e nella narrativa che esplora temi quali colpa, castigo, conversione e redenzione.

Questi sono solo alcuni dei vari argomenti con cui “Donne Chiesa Mondo” inizia il 2024, in un numero che offre un’incisiva panoramica sull’influenza delle artiste sacre attraverso i secoli, trasmettendo un messaggio di forza, denuncia e profonda riflessione.