lunedì 17 Giugno 2024 - Santo del giorno:

Il network dell'informazione del Piemonte e della Valle D'Aosta
SIR NEWS
  • Data loading...

Servizi digitali: da domani in vigore il regolamento in tutta l’Unione Europea

Uno strumento importante per proteggere le persone dai contenuti illegali e per difendere i loro diritti

Il 17 febbraio la legge sui servizi digitali, il corpus normativo storico dell’UE che mira a rendere l’ambiente online più sicuro, più equo e trasparente, inizia ad applicarsi a tutti gli intermediari online nell’UE.

Ai sensi della legge sui servizi digitali, gli utenti dell’UE sono meglio protetti da beni e contenuti illegali e i loro diritti sono tutelati sulle piattaforme online dove si collegano ad altri utenti, condividono informazioni o acquistano prodotti.

Nuove responsabilità per le piattaforme e gli utenti responsabilizzati

Tutte le piattaforme online con utenti nell’UE, ad eccezione delle piccole e microimprese che occupano meno di 50 persone e il cui fatturato annuo è inferiore a 10 milioni di EUR, devono attuare misure volte a:

  • Contrastare i contenuti, le merci e i servizi illegali: le piattaforme online devono fornire agli utenti i mezzi per segnalare i contenuti illegali, compresi beni e servizi. Inoltre, le piattaforme online dovranno cooperare con i “segnalatori attendibili”, enti specializzati le cui notifiche dovranno essere considerate prioritarie dalle piattaforme.
  • Proteggere i minori: compreso il divieto totale di prendere di mira i minori con annunci pubblicitari basati sulla profilazione o sui loro dati personali.
  • Dare agli utenti informazioni sugli annunci pubblicitari che vedono, ad esempio il motivo per cui gli annunci vengono loro mostrati e chi ha pagato per la pubblicità.
  • Vietare gli annunci pubblicitari rivolti agli utenti sulla base di dati sensibili, quali convinzioni politiche o religiose, preferenze sessuali, ecc.
  • Fornire motivazioni a un utente interessato da qualsiasi decisione di moderazione dei contenuti, ad esempio la rimozione dei contenuti, la sospensione dell’account, ecc., e caricare la motivazione nella banca dati sulla trasparenza della legge sui servizi digitali.
  • Fornire agli utenti l’accesso a un meccanismo di reclamo per contestare le decisioni di moderazione dei contenuti.
  • Pubblicare una relazione sulle loro procedure di moderazione dei contenuti almeno una volta all’anno.
  • Forniscono all’utente termini e condizioni chiari e includono i principali parametri in base ai quali funzionano i suoi sistemi di raccomandazione dei contenuti.
  • Designare un punto di contatto per le autorità e gli utenti.

Oltre alle piattaforme online, la legge sui servizi digitali si applica anche ai servizi di hosting (ad esempio servizi cloud o sistemi di nomi di dominio, servizi di base che collegano gli utenti agli indirizzi web richiesti), nonché agli intermediari online (ad esempio fornitori di servizi Internet o dominio). I servizi di hosting e gli intermediari online sono soggetti a un sottoinsieme di obblighi ai sensi della legge sui servizi digitali.

Dalla fine di agosto 2023 la legge sui servizi digitali si è già applicata alle 19 piattaforme online di dimensioni molto grandi e ai motori di ricerca (VLOSE) designati nell’aprile 2023 (con più di 45 milioni di utenti mensili in media). Altre tre piattaforme designate come piattaforme online di dimensioni molto grandi nel dicembre 2023 hanno tempo fino alla fine di aprile per conformarsi agli obblighi più rigorosi previsti dalla legge sui servizi digitali. Tuttavia, dovranno rispettare gli obblighi generali previsti dalla legge sui servizi digitali a partire da domani.

Coordinatori dei servizi digitali negli Stati membri

Le piattaforme non designate come piattaforme online di dimensioni molto grandi o di piattaforme online di dimensioni molto grandi saranno controllate a livello di Stato membro da un’autorità di regolamentazione indipendente che agisce in qualità di coordinatore nazionale dei servizi digitali (DSC). Spetterà ai DSC garantire che tali piattaforme rispettino le norme. I DSC vigileranno e applicheranno la legge sui servizi digitali per le piattaforme stabilite sul loro territorio.

In pratica, i coordinatori dei servizi digitali:

  • Essere il primo punto di scalo per i reclami degli utenti in merito a violazioni della legge sui servizi digitali da parte di qualsiasi piattaforma, comprese le piattaforme online di dimensioni molto grandi e le piattaforme online di dimensioni molto grandi. Se del caso, il coordinatore dei servizi digitali trasmette il reclamo al coordinatore dei servizi digitali dello Stato membro di stabilimento della piattaforma, corredandolo, se del caso, di un parere.
  • Certificare i meccanismi di ricorso extragiudiziale esistenti che consentono agli utenti di trattare reclami e contestare le decisioni di moderazione dei contenuti.
  • Valutare e attribuire la qualifica di segnalatore attendibile a richiedenti idonei o a enti indipendenti che hanno dimostrato competenze nell’individuazione, nell’identificazione e nella notifica di contenuti illegali online.
  • Trattare le richieste di accesso alle piattaforme online di dimensioni molto grandi e ai dati delle piattaforme online di dimensioni molto grandi per ricerche specifiche. I DSC sorveglieranno i ricercatori e chiederanno l’accesso ai dati per loro conto.
  • Sono dotati di forti poteri di indagine e di esecuzione per garantire il rispetto della legge sui servizi digitali da parte dei prestatori stabiliti nel loro territorio. Potranno ordinare ispezioni a seguito di una presunta violazione della legge sui servizi digitali, infliggere sanzioni pecuniarie alle piattaforme online che non rispettano la legge sui servizi digitali e imporre misure provvisorie in caso di danno grave alla sfera pubblica.

Il comitato europeo per i servizi digitali

I coordinatori dei servizi digitali e la Commissione costituiranno un gruppo consultivo indipendente, il comitato europeo per i servizi digitali, per garantire chela legge sui servizi digitali sia applicata in modo coerente e che gli utenti in tutta l’UE godano degli stessi diritti, indipendentemente dal luogo in cui sono stabilite le piattaforme online.

Il comitato sarà consultato in merito all’applicazione della legge sui servizi digitali e fornirà consulenza sulle questioni connesse alla legge sui servizi digitali e potrà contribuire a orientamenti e analisi. Contribuirà inoltre alla vigilanza delle piattaforme online di dimensioni molto grandi e dei motori di ricerca online di dimensioni molto grandi e pubblicherà relazioni annuali sui principali rischi sistemici e sulle migliori pratiche per attenuarli.

Il consiglio di amministrazione si riunirà per la prima volta il 19 febbraio 2024.

Prossime fasi

Nel marzo 2024 la Commissione intende adottare orientamenti sulle misure di attenuazione dei rischi per i processi elettorali. Una consultazione pubblica sull’atto delegato relativo all’accesso ai dati è prevista per aprile, con adozione entro luglio ed entrata in vigore nell’ottobre 2024.