lunedì 17 Giugno 2024 - Santo del giorno:

Il network dell'informazione del Piemonte e della Valle D'Aosta
SIR NEWS
  • Data loading...

Rifiuti tossici: emergenza smaltimento in Piemonte

La posizione della pastorale Sociale e Lavoro della regione sul deposito unico

La Pastorale Sociale e del Lavoro della regione Piemonte e in particolare delle diocesi di Vercelli, Biella, Novara e Casale Monferrato della delibera con la quale l’amministrazione comunale aveva chiesto che Trino fosse inserito nella CNAA (Cartina Nazionale Aree Autocandidate) e auspicano che l’individuazione definitiva del sito prosegua, senza ulteriori ritardi, esclusivamente sulla base dei criteri scientifici sino ad ora adottati, ritenendo che non siano, invece, da perseguire decisioni che rispondano a logiche diverse. <Già a seguito della conversione del decreto Scanzano del 2003, si auspicava la necessità di individuare, in tempi brevi, – affermano in una nota il vescovo delegato Cep per la pastorale regionale Sociale e Lavoro, Marco Arnolfo e il responsabile Gaetano Quadrelli – l’area sulla quale costruire il deposito nazionale dei rifiuti radioattivi>.

<Avevamo – sottolineano- accolto con favore le pubblicazioni della CNAI (Cartina Nazionale Aree Idonee) che, in base ai 15 criteri di esclusione e ai 13 criteri di approfondimento previsti dall’ISPRA in linea con gli standard della IAEA (International Atomic Energy Agency) aveva individuato 51 Comuni idonei ad ospitare il deposito. Confidavano in un percorso che portasse all’individuazione di uno sito di stoccaggio in piena sicurezza per la salute e la salvaguardia delle popolazioni>.

A gennaio invece l’Amministrazione di Trino, cogliendo la possibilità offerta, <in modo inaspettato e poco comprensibile da una modifica legislativa, nel gennaio 2024 candidava il proprio comune ad ospitare il Deposito Unico Nazionale nonostante questo fosse già stato escluso per ben due volte dalle cartine dei siti idonei (CNAI e CNAPI)> ricordano i firmatari.

Le motivazioni di tali esclusioni vanno ricercate principalmente nella presenza in zona di:

aree protette, di zone umide (risaie e falde affioranti che arrivano a 2 m. sotto il piano campagna);

una faglia con una potenziale sorgente di sismicità già cartografata e riconosciuta dal database italiano Itaca;

un territorio di tipo alluvionale caratterizzato da un livello piezometrico affiorante con variazioni di livello stagionale importanti dovute alla sommersione delle risaie.

<Bisogna considerare – spiega ancora la nota – che le conseguenze del deposito nazionale a Trino non si limiterebbero solamente al comune ospitante e ai suoi dintorni, ma interesserebbero una zona molto più ampia comprendente: il Vercellese, il basso ed alto Monferrato, il biellese e la zona ad est di Torino>.

La nota prosegue precisando inoltre che <L’ipotesi di insediare il deposito nella zona Leri Cavour a poche centinaia di metri dal Principato di Lucedio, che ha dato il via allo sviluppo della risicoltura italiana nel 1400, oltre ad avere un forte impatto simbolico, andrebbe a danneggiare il cuore della risicoltura. Anche in questo caso le conseguenze non coinvolgerebbero solo l’area trinese, ma un territorio molto più ampio in cui insistono aziende agricole altamente specializzate su produzioni la cui alta qualità permette a Vercelli di fregiarsi del riconoscimento di “capitale europea del riso”>.

Ricordano che <il Monferrato è stato riconosciuto “patrimonio dell’UNESCO” e certamente l’insediamento di una struttura del genere contrasterebbe con le attività di promozione del territorio, danneggiando significativamente soprattutto quella turistica e vanificando l’impegno profuso in questi anni da tanti soggetti pubblici e privati.L’eventuale costruzione del deposito comporterebbe poi l’esproprio di terreni agricoli e la riduzione dello storico parco del “Bosco della Partecipanza”>.

Infine evidenziano che <Anche il nuovo impianto fotovoltaico adiacente all’ex centrale elettrica “Galileo Ferraris”, uno dei più grandi del nord Italia ed attualmente in fase di inaugurazione, è a rischio. Verrebbero così compromesse ulteriori iniziative a favore dell’area, in particolare interventi di recupero architettonico e funzionale di alcuni edifici nel borgo Leri Cavour>.