giovedì 18 Aprile 2024 - Santo del giorno:

Il network dell'informazione del Piemonte e della Valle D'Aosta
SIR NEWS
  • Data loading...

UE, maggior trasparenza per i consumatori sulla “transizione verde”

Entrano in vigore le nuove norme dell'UE che rendono la comunicazione in chiave green più chiara

Il 27 marzo è entrata in vigore la nuova normativa dell’UE sulla responsabilizzazione dei consumatori per la transizione verde. Ciò significa che prima di acquistare un prodotto i consumatori otterranno informazioni migliori e più armonizzate sulla sua durabilità e riparabilità. I consumatori saranno inoltre meglio informati sui loro diritti di garanzia legale. Inoltre, sarà vietato formulare asserzioni ambientali vaghe, il che significa che le imprese non potranno più dichiarare di essere “verdi” o “rispettose dell’ambiente” se non sono in grado di dimostrare di esserlo realmente. Inoltre non sarà più ammesso esporre loghi volontari inattendibili relativi alla sostenibilità. Saranno inoltre vietate le pratiche commerciali sleali legate all’obsolescenza precoce, come le false dichiarazioni sulla durabilità di un bene.

La nuova direttiva modifica due direttive esistenti sul diritto dei consumatori: la direttiva sui diritti dei consumatori e la direttiva sulle pratiche commerciali sleali. Renderà il diritto globale dell’UE più adatto alla transizione verde e sosterrà i cambiamenti necessari nel comportamento dei consumatori per conseguire gli obiettivi climatici e ambientali nell’ambito del Green Deal europeo. La proposta è stata annunciata nel nuovo programma dei consumatori e nel piano d’azione per l’economia circolare.  

A margine dell’approvazione, queste le parole del Commissario Europeo per la Giustizia Didier Reynders: “Grazie a queste nuove norme, i consumatori otterranno le risposte ai loro interrogativi, ad esempio: ‘Il prodotto che voglio acquistare sarà davvero sostenibile? Scelgo un prodotto progettato per durare? L’asserzione ambientale fornita su questo prodotto è affidabile?’ Si tratta di un’ottima notizia per chi desidera coinvolgere tutti i consumatori nella transizione verde.”

Gli Stati membri dell’UE sono tenuti a recepire la direttiva nel diritto nazionale entro martedì 27 marzo 2026. Le norme si applicheranno a decorrere dal 27 settembre 2026.