lunedì 17 Giugno 2024 - Santo del giorno:

Il network dell'informazione del Piemonte e della Valle D'Aosta
SIR NEWS
  • Data loading...

Violenza sulle donne. A Torino un Protocollo per combatterla

Il protocollo d’intesa per combattere la violenza di genere è stato redatto per il quadriennio 24-28 dal Coordinamento contro la violenza sulle donne.

Donna maltrattata

Si rafforzano a Torino le azioni di contrasto alla violenza sulle donne. Proprio oggi la Giunta comunale su proposta dell’assessore al Welfare, diritti e pari opportunità ha approvato il rinnovo del protocollo d’intesa per combattere la violenza di genere, redatto per il quadriennio 24-28 dal Coordinamento contro la violenza sulle donne. L’organo che era stato istituito nel 2000 proprio per dare maggiore efficacia alle azioni multidisciplinari – in concorso tra enti pubblici e privati – di contrasto ai maltrattamenti.

Associazioni invitate a occuparsi della violenza sulle donne

Tra le novità del documento, è prevista la possibilità di aprire l’assemblea ai cittadini ed eventualmente anche ad associazioni che si occupino di diritti e pari opportunità e che siano interessate a includere il tema della violenza sulle donne nel loro statuto. Per tenere vivo ed estendere il dibattito sull’argomento si moltiplicheranno inoltre le iniziative di informazione e sensibilizzazione dirette ai comuni metropolitani torinesi. Si farà poi formazione specifica per gli esponenti delle giunte locali incaricati di seguire la materia. E saranno indetti tavoli di lavoro tematici focalizzati sulla violenza di genere.

Monitoraggio sulla violenza di genere

Parte integrante del protocollo è il programma di condivisione e analisi delle informazioni sulle vittime accolte dai centri aderenti al Coordinamento contro la violenza sulle donne. I dati saranno trattati in forma anonima, ma saranno preziosi ai fini del monitoraggio del fenomeno della violenza di genere.

La Città di Torino è non da oggi impegnata nel combattere la violenza di genere, a partire dal suo Statuto. Che infatti all’articolo 2 prevede la tutela e la promozione dei diritti costituzionalmente garantiti sulla dignità e la libertà delle persone e il contrasto a ogni forma di discriminazione. In questa direzione va del resto anche il recente Documento unico di programmazione 2024-2026, approvato nel mese di dicembre 2023.

Un Centro antiviolenza e una Casa rifugio per donne maltrattate

Dopo l’inaugurazione, il 6 dicembre scorso, della nuova sede del Centro Antiviolenza della Città di Torino, continua così il lavoro della Città nella prevenzione e nel contrasto della violenza di genere e le iniziative di accoglienza e protezione in emergenza per le donne maltrattate e per i loro figli. Entro l’autunno dovrebbe anche tornare in funzione la Casa rifugio della Città di Torino.