sabato 20 Luglio 2024 - Santo del giorno:

Il network dell'informazione del Piemonte e della Valle D'Aosta
SIR NEWS
  • Data loading...

«Parola, parole e musica» per i sabati d’estate

Diocesi di Torino. Una nuova rubrica settimanale a cura della Pastorale della Cultura per i mesi di luglio, agosto e settembre

giovani che suonano e cantano su di un prato

«Metti un po’ di musica leggera, anzi leggerissima», cantano Colapesce e Dimartino. Invito perfetto per l’estate, da sempre periodo privilegiato per canzoni che ne diventano colonna sonora. Non sarà un caso che proprio in questo periodo dell’anno hanno trionfato manifestazioni di ogni genere, dal Cantagiro al Disco per l’estate dei tempi che furono, passando per il FestivalBar e arrivando fino alle moderne serate organizzate da radio e piattaforme. E ogni anno impazza la ricerca del brano tormentone dell’estate in corso…

Il bello della musica leggera, anzi leggerissima, è che è di facile ascolto: easy listening, come si dice. Ti segue con facilità, come un bagaglio che non dà problemi di ingombro. Quindi, puoi averla sempre a portata di mano. Il forte delle canzoni, poi, è che hanno tutte le loro storie e i loro significati: ma nel momento in cui entrano nel tuo piccolo universo, si impastano alla tua vicenda, suscitano emozioni tue particolari, si legano a ricordi personali, richiamano – a te solo – sensazioni, sentimenti, suggestioni. Niente più di una canzone è in grado di evocare e far rivivere, un poco come le madeleneittes di proustiana memoria.

Dimensione religiosa, musica & parole

Sorpresa: funziona anche nella dimensione religiosa. All’orecchio di chi crede, il verso di una canzone, con la sua formidabile potenza combinata di “musica & parole”, può fare scattare un aggancio alla Parola con la p maiuscola, con conseguenze interessanti, dal momento che il meccanismo si aziona fuori dal contesto religioso privilegiato e protetto in cui noi siamo abituati a maneggiare questo genere di questioni… Per ciò stesso, può farci cogliere un aspetto nuovo, una nuova luce, una nuova prospettiva, rompendo la spessa crosta del “già sentito”, del “lo so già”, dell’ascolto abitudinario.

Per tutti i sabati di luglio e agosto 2024, la pastorale della cultura della diocesi di Torino proporrà sul sito della diocesi di Torino nella sezione cultura https://www.diocesi.torino.it/cultura/ , rilanciandola sullo stesso profilo Facebook, una finestra canora, una canzone per l’estate, «parole senza mistero, allegre ma non troppo».