sabato 20 Luglio 2024 - Santo del giorno:

Il network dell'informazione del Piemonte e della Valle D'Aosta
SIR NEWS
  • Data loading...

Diminuiscono le vocazioni e i frati cappuccini lasceranno la comunità di Domodossola

Dal primo settembre 2025 i frati francescani si ritirano dalla parrocchia di sant’Antonio da Padova, che passerà alla responsabilità dei sacerdoti della parrocchia dei s.s. Gervasio e Protaso.

Parrocchia s. Antonio da Padova Domodossola

In tutta Domodossola è nota come la “Cappuccina”. Il nome che la lega ai frati francescani, presenti da settant’anni. Ma ora la parrocchia di sant’Antonio da Padova dovrà fare a meno dei suoi padri, che la lasceranno dal primo settembre del 2025. A darne l’annuncio, con un messaggio letto durante le messe di domenica 30 giugno, sono stati il vescovo di Novara, Franco Giulio Brambilla, e il provinciale dei Cappuccini del Piemonte, Roberto Rossi Raccagni.

La Cappuccina si unirà alla parrocchia dei s.s. Gervasio e Protaso

Da settembre del prossimo anno, la gestione della parrocchia di via San Francesco 25 sarà affidata alla responsabilità pastorale e canonica dei sacerdoti che già seguono la parrocchia dei s.s. Gervasio e Protaso di Domodossola.

Calo delle vocazioni e riassetto dei padri Cappuccini del Nord-Ovest

La scelta del ritiro dei frati cappuccini è spiegata nella stessa comunicazione ai fedeli: “La forte diminuzione delle vocazioni e il riassetto delle Province dell’ordine del Cappuccini del Nord-Ovest Italia impone la revisione della presenza dei frati che non riusciranno più ad assicurare il servizio pastorale alla comunità di Domodossola, pur restando ancora in diocesi a Novara”.

La forte presenza dei Cappuccini in Domodossola e nella diocesi

La mancanza dei frati si sentirà a Domodossola e fuori. Frati e sacerdoti diocesani hanno collaborato in questi decenni per un servizio improntato alla forte promozione sociale. E hanno dato vita a un’animazione religiosa, culturale e sociale, che è andata oltre i confini della stessa città. Nella lettera si citano le figure storiche dell’opera cappuccina sul territorio: “la carismatica figura di padre Michelangelo e la zelante persona di padre Vincenzo, appena mancato, che ne ha continuato la memoria, insieme con i frati che hanno servito negli anni scorsi e quelli tutt’ora presenti e operanti”.

Il 15 giugno del 2025 festa patronale e di ringraziamento per i padri Cappuccini

La comunità dei frati rimarrà a Domodossola tutto il prossimo anno pastorale 2024-2025. Poi “alla festa patronale del 15 giugno del 2025 la diocesi e la parrocchia ringrazieranno con gioia per la bella presenza della comunità religiosa ed esprimeranno la debita gratitudine di tutte le persone e istituzioni che hanno beneficiato del carisma di san Francesco nella città e nell’Ossola”.